Cerca
  • Ing. Claudio M. Lauri

10 ERRORI COMUNI DELL'IMPRENDITORE NEL FARE AZIENDA

L'imprenditorialità è complicata e richiede molti sforzi, ma soprattutto molta misura. Ci sono errori frequenti dell'imprenditore che posso essere evitati senza difficoltà. Capire dall'ideazione del progetto cosa dovrebbe essere fatto, quando e con quale sforzo, è quasi sempre la cosa più difficile da definire quando vuoi creare un’azienda da zero. Il successo del progetto dipende fondamentalmente da questa prima azione. Non puoi iniziare un percorso cosi rischioso con il piede sbagliato.

Dopo tanti anni di esperienza nella consulenza, nei quali ho avuto la fortuna di conoscere e lavorare accanto di tanti imprenditori, mi posso permettere di elencare i 10 errori più frequenti che questi commettono durante la loro carriera:


  1. Vendere soltanto quello che piace o vuole l’imprenditore. La cosa da fare è scoprire cosa vogliono le persone, non lasciarsi guidare soltanto dai propri gusti. Non sempre il mercato accetta quello che all'imprenditore piace o pensa sia di valore. Investire per conoscere le esigenze e bisogni dei potenziali clienti è l’azione corretta.

  2. Non scrivere un Piano di Sviluppo Aziendale. Quando un'azienda inizia la sua attività o si trova in difficoltà finanziarie, un piano scritto chiaro e veritiero è più che necessario per attirare gli investitori. Un Business Plan scritto aiuta a vedere oltre, e mantenere la concentrazione negli obiettivi prefissati. Tutto quello che non è scritto non esiste.

  3. Non conoscere bene i suoi punti di forza. Prima di diversificare prodotti o servizi, per crescere, dobbiamo conoscere i punti di forza (ciò che funziona meglio, maggior marginalità, più mercato, ecc.) per focalizzarci su di loro e, se necessario, riorientare il business. In caso contrario, una spinta di crescita senza conoscere i suoi punti di forza, può portare l’azienda a una perdita di mercato oppure al fallimento.

  4. Non conoscere e non chiedere. Non avere il coraggio di chiedere, per paura che i clienti o la concorrenza pensino che siamo incompetenti è un grande errore. Combattere la paura di avviare un'impresa implica imparare a chiedere aiuto affinché l'impresa prosperi.

  5. Non allenarsi alla gestione prima di iniziare. Indipendentemente dai mezzi, è necessario allenarsi per gestire l'azienda. Al giorno d'oggi non possiamo scusarci per la mancanza di informazioni o di conoscenza. Oggi siamo in grado di accedere in ogni momento e senza difficoltà all'informazione, diffusa nella rete, e alla conoscenza attraverso i professionisti disponibili in diversi campi. Farsi aiutare non è una scelta ma un obbligo visto il continuo sviluppo delle conoscenze e la volatilità delle informazioni.

  6. Non andare oltre i tuoi mezzi. Più di una volta l’imprenditore non ha una vera dimensione delle entrate e delle uscite de suo business. All'inizio, molte volte si spende più del pensato, spesso per non aver avviato un serio e vero processo per la determinazione delle entrate e delle uscite. La mancanza di un Budget realistico mantiene le aziende stagnanti per lungo tempo, rischiando il fallimento.

  7. Ignorare le regole e costo del denaro. Avere abbastanza liquidità per fare fronte alle spese è la sfida di ogni nuova azienda. Capire dall'inizio su quali tipi di finanziamento possiamo contare è importantissimo, visto che, fino a quando la società non si qualifica per i prestiti alle imprese, non potremo andare dalle banche. Il costo di questo denaro è un altro punto importante, ricordiamo che i soldi dovranno essere restituiti e il nostro budget dovrà essere in grado di sostenere la spesa.

  8. Non avere un Piano di Marketing. Un piano di marketing dovrebbe includere le dimensioni del mercato, la partecipazione prevista, un'analisi della concorrenza, un budget e un programma per la campagna. Infatti, tutti gli imprenditori credono di avere il miglior prodotto o servizio, ma se l’obiettivo è vendere, non si può rinunciare alla continua promozione. 

  9. Non assegnare un budget per il marketing. Qualsiasi valore abbia il budget di marketing aiuta. È necessario promuovere i prodotti/servizi attraverso il canale corretto per pubblicizzare l'azienda. Nessuna risorsa dovrebbe essere risparmiata per questo. Per riuscire nell'obiettivo della vendita è sempre necessario investire dei soldi nella promozione.

  10. Non delegare. Delegare funzioni spesso rappresenta la differenza tra crescere e rimanere bloccati. Formare e dare autonomia ai collaboratori significa far crescere il capitale umano dell’azienda, liberando del tempo all'imprenditore per la gestione strategica. Molto spesso l’imprenditore diventa accentratore di tutte le funzioni aziendali. Questo è un errore molto frequente che a lungo andare crea stagnamento e difficoltà nella gestione e crescita dell’azienda.


Tutti questi errori possono essere evitati, serve una guida professionale per lo sviluppo e miglioramento del business. Noi di PMI Doctors possiamo aiutarti, contattaci subito non fare più errori! info@pmidoctors.it


#pmi #imprenditoria #imprenditore

10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

PMI Doctors - un marchio Ing. Claudio M. Lauri - info@pmidoctors.it - +39 320 8804 251

  • Facebook - Grey Circle
  • LinkedIn - Grey Circle